martedì 4 novembre 2014

Illusioni anedd...ottiche

tratto da qui -
Guardate per qualche secondo il punto nero al centro dell'immagine: cosa succede?

Inutile dire che sono alle prese con l'ora solare.
Tutto bene quando mi devo svegliare la mattina. E' alla sera che arrivano i problemi.
Non ho sonno, anche se dovrei.
Quindi non andrei a letto. Quando ci vado, non mi addormento subito.
Il risultato è che dormo meno di quanto dovrei e che rimango un tantino scombinata.
Ergo non avrei mai potuto fare la hostess, nè tanto meno il pilota, per non parlare dei lavori coi turni, forse la panificatrice, ma avrei poi dovuto mantenere sempre lo stesso ritmo di veglia: di giorno dormire, di notte lavorare.
Capite bene che in una situazione di sonno latente, non si vede chiaro nella vita reale.
Una delle cose che vedo in maniera confusa e direi poco a fuoco è il  Piccolo Principe.

Ci sono dei momenti che mi sembra un ragazzone di 20 anni e momenti in cui intravedo il bambino che era.
Quando ho affrontato per la prima volta questo momento di crescita con il Principe Felice, non ne ero consapevole e ad un tratto mi sono ritrovata a chiamare bambino mio, quello che si era trasformato in un giovanotto con barba e voce baritonale.
Quella esperienza mi ha fatto capire che il cambiamento fisico dei figli non è immediatamente percepito dai genitori, cioè: il giorno prima metti a letto un delizioso paffutello che riempi di baci e il giorno dopo ti mette a letto lui!
Insomma mi sono ripromessa di stare più attenta ai cambiamenti del secondogenito.
E così faccio, ma affronto ugualmente delle illusioni ottiche, in cui mi sembra di percepire i suoi cambiamenti e con ostentata sicurezza mi compiaccio della mia perspicacia, e  attimi in cui tutto crolla e mi schianto contro la mia stupida cecità.

Vi faccio qualche esempio:

Lui ha i cassetti pieno di jeans, perchè lo scorso anno non metteva altri tipi di pantaloni, ma ora lui ha scoperto che
I JEANS NON MI PIACCIONO!
Quando mi giro per guardarlo, volgo gli occhi verso un punto obliquo che parte dall'alto e si dirige verso il basso, ma devo immediatamente cambiare direzione perchè
SONO ALTO COME TE, MAMMA!
Ritengo scontato che porti con sè nel bagno una copia di focus storia, ama i documentari storici, i film storici, le letture storiche, ma mentre prende con sè il giornale e sta per chiudere la porta del "luogo privato", mi dice
A ME STORIA FA SCHIFO!
Insomma questi sono solo piccoli aneddoti per spiegarvi che tra qualche mese dovrà iscriversi alla scuola superiore. Io, che mi ILLUDO di conoscerlo, so cosa potrebbe fare e quali sono le sue potenzialità e le sue difficoltà. Lui invece
NON HO NESSUNA IDEA DI CHE SCUOLA FARE!

Ma vi sembra possibile!? Nessuna idea?! Neanche una rosa di possibili scelte?!
Per ora si è sbilanciato nel dire solo queste orribili cose:

  1. non voglio studiare
  2. voglio fare un lavoro che mi permetta di comprare una macchina di grande cilindrata
  3. non so se sarò in grado di affrontare lo studio alle superiori... i professori dicono che sono difficilissime!

Un giorno, in un momento di improvvisa illuminazione, mi ha detto che forse gli piacerebbe fare l'ottico, ma di fronte alle 2 ore e 3 min/ 3 ore di viaggio quotidiano per andare a scuola, si è subito tirato indietro.

Insomma vivo delle ENORMI, INDESIDERATE, SORPRENDENTI...
ILLUSIONI ANEDD...OTTICHE!!!


Illusione ottica in alto:
Io vedo per un secondo tutto colorato, poi in bianco e nero...spero di non sbagliarmi! ;D

10 commenti:

  1. avevo dimenticato quanto grande fosse il figliolone....;-)

    RispondiElimina
  2. esperienza di mamma VAleria risalente ormai a 5 anni fa,...5 anni sono volati
    a gennaio il mio ragazzo non sapeva ancora che scuola fare, i suoi amici erano indirizzati dalle famiglie a fare il liceo, chi classico, chi scentifico...i professori gli dicevano che poteva farcela anche lui...
    la prof di inglese gli diceva che qualunque scuola avrebbe fatto più del 6 nella materia linguistica lui non avrebbe preso mai
    scoraggiato da un istituto linguistico barcollava senza meta fino hai primi del mese quando dopo essere andato a vedere il BARUFFI geometra si è innamorato di quel Istituto
    Io insicura gli avevo detto, che se poi si fosse pentito c'era la possibilità di cambiare scuola nel secondo anno
    risutato
    il primo voto che mi ha portato a casa è stato un 8,30 di inglese
    alla faccia della sua prof...
    con un po' di titubanza al secondo anno, visto che i suoi voti in inglese erano buoni gli ho chiesto se voleva passare al liceo linguistico, lui ha rifiutato
    i suoi amici, che avevano seguito le idee della famiglia per il liceo, se ne sono pentiti perchè non gli piacevano
    insomma quello che voglio dirti con questo commento così lungo e tortuoso è che devi lasciare che sia lui a scegliere
    magari se gli piacciono le macchine sceglierà meccanica
    ma a oggi c'è sempre la possibilità di cambiare istituto al secondo anno senza perdere gli anni di studio precedenti
    magari ora è ancora giovane e l'indecisione ci può stare
    podarsi che tra due anni si senta più maturo

    Sai che io cadevo dalle nuvole, quando tutti mi dicevano che la sua voce stava cambiando, sai l'effetto che mi ha fatto la prima rasatura....pensa che sono andata subito a comprargli il rasoio elettrico e il rivenditore mentre proffessionalmente mi illustrava i vari modelli io come una scema mi sono commossa...
    pensa un po'...
    baci buona settimana VAleria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La sua risposta più frequente è NON SO.
      Non credo sia vero del tutto, credo invece che abbia certe idee, ma siccome non sono chiare, non le esprime, per paura che risultino deludenti, è un tipo prudente.
      La preoccupazione mia è che si faccia condizionare dalle sue insicurezze più che dalle cose che gli piace fare.
      Potrebbe davvero affrontare qualsiasi scuola, ma non ci teniamo che faccia per forza il liceo.
      Siamo irremovibili solo su una questione: la sua non deve essere una scelta dettata dalla pigrizia, ma da una passione, che ora magari non vede chiaramente , ma che però percepisce.
      Spero ci stupisca, quando sarà il momento, che decida con slancio.

      P.S. : il mio grande si fa crescere la barba, non usa spesso rasoi! ;)

      Elimina
  3. mamma mia... quando ti leggo penso a volte che i problemi di oggi sono veramente bazzecole!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ogni età ha le sue difficoltà.
      Ti devo confessare che molte volte rimpiango i momenti in cui ero stanca fisicamente, perchè i bambini richiedono cure e attenzione, e farei a cambio con la sensazione di ìnadeguatezza che l'adolescenza dei miei figli mi lascia quotidianamente...
      Goditi i tuoi... ORA!!!!!
      ;D

      Elimina
  4. Aiuto....a noi mancano solo due anni e poi sarò nella tua stessa condizione.
    Considerando che il grande và in oca anche per scegliere un paio di scarpe o il colore di una maglietta, mi viene già male!
    Certo che questi ragazzi ci scappano di mano....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lasciamo perdere lo shopping per favore! ;D
      ...però...forse è un buon pre-segnale, perchè ripensandoci, anche il mio Principe non sa decidersi sull'acquisto vestiario... :(((

      Elimina
  5. Mamma mia quanto crescono in fretta! Questo post mi ha spaventato tantissimo, non perché ci sia qualcosa di strano ma perché non so quanto sarò in grado di affrontare la fase della prima adolescenza ... tu magari hai momenti di scoramento ma sei molto ben centrata io ... io sono già un disastro adesso che devo scegliere dove iscriverlo per le medie! Incrocio le dita per tutti, che dici? :)

    RispondiElimina
  6. Cara Marzia, ti do una "buona" notizia:
    nessuno è in grado di affrontare una metamorfosi imprevedibile, inaudita e sconosciuta!
    L'adolescenza è un enorme punto di domanda. Per tutti. Anche per i ragazzi stessi.
    Non ti fasciare la testa, qualsiasi consiglio di oggi, potrebbe essere vetusto per domani.
    Affronterai i momenti e le difficoltà quando si presenteranno, per come si presenteranno.
    Non sarà una passeggiata, come nessun travaglio lo è, non ci sarà l'epidurale e l'ostetrica, ci sarete solo voi e lui e... questo uomo deve nascere!!!
    Ti piace il finale epico?! ;D
    Cosa ti posso dire di più?!
    Troviamoci da ridere che "domani è un altro giorno..." (finale viacolventiano!)
    ;DDDD

    RispondiElimina

Lasciami il tuo pensiero...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...