giovedì 27 marzo 2014

CIUF-CIUF...CIAO-CIAO

Immagine dal web

Stamattina sono andata dal dentista.
Il trapano del dentista è ciò che mi fa più paura in assoluto.
Non mi fa effetto niente: non ho paura del sangue, nè degli insetti, nè dei ragni, non ho paura dell'aereo, non dell'acqua, neanche dei matti! Insomma, non credo di possedere nessuna fobia. Sono cresciuta a film horror/splatter e thriller e ho scoperto che la paura peggiore è quella che ci creiamo noi, attraverso la nostra ansia.

Ma quando sono davanti ad un trapano del dentista, sono come un cane a cui è stato imposto un riflesso pavloviano: ecco, sì, sono un perfetto esempio di come Pavlov avesse ragione con i suoi esperimenti e di come io, forse, sono un cane!
Appena odo il rumore dello strumento, sento punture di spilli alla colonna vertebrale, brividi veri, come spiegarvi?!
Non so... come un continuo striscio di unghie su una lavagna! Orrore!!!!
Comunque sono andata a fare una semplice pulizia, che per me è molto dolorosa, anche perchè la faccio di rado, data la mia paura irrazionale... Finito lo sfogo!!!
Ma, poi, la simpatica mattinata è continuata con la tappa in posta a pagare il bollo per l'auto: un momento triste per le tasche di tutti, anche se benedico il momento in cui abbiamo deciso di prendere una semplice utilitaria!
Al ritorno, un bici-viaggio per il mio paese non sarebbe tale, se non  interrotto dal passaggio a livello, più chiuso che aperto, che però mi ha dato modo di rialleggerire la giornata. Come?!
Ferma al passaggio a livello, incontro la madre della dottoressa che mi ha fatto la pulizia denti con il nipotino di due anni e mezzo (che bella età! La migliore per i bambini e per loro genitori! Andata anche quella!...), tornavano dalla stazione, in cui lui ama farsi portare, per vedere passare i treni! Non vi posso dire di come sia eccezionale tale piacere per uno che abita nel mio paese, diviso a metà da questa ferrovia, utilissima e centenaria, ma inevitabilmente un muro di berlino cittadino.
La sua mamma (la dottoressa) mi aveva accennato al fatto che quella fosse, per il bambino, una tappa obbligata e che lui è matto per la gioia ogni volta che torna dal giretto per la stazione: ama molto i treni e ama molto salutare i conducenti, che puntualmente lo salutano. A questa affermazione sono rimasta un po' perplessa, perchè la posizione del conducente è piuttosto alta rispetto a  quella della strada e un bimbo così piccolo mi risultava difficile da notare, ma non ho detto niente, tutta presa dallo sciacquio della mia bocca indolenzita.
Quando, quindi, mi sono trovata davanti al piccolino entusiasta e al suo salutare felice non ho potuto  che considerare quanto è bello credere all'avverarsi dei propri desideri.
Invece, in maniera sconvolgente, per me, ho assistito ad uno spettacolo che mi ha aperto il cuore.
Non solo il bimbo è stato salutato dal conducente di uno dei treni di passaggio, ma anche da tre dei giovani operai che fanno manutenzione ai binari che viaggiano sopra uno dei mezzi gialli che vanno su e giù per la ferrovia, sorridenti e sbracciati per far ciao ad un bimbo di due anni e mezzo! Meraviglioso!
Ora vi chiedo, in quale altra parte del mondo può succedere un episodio analogo?

Per oggi la mia speranza è salda, anche se ...a bocca indolenzita!


N.B. Per la cronaca, durante la pulizia dei denti è saltata fuori una carie! :(((((

6 commenti:

  1. Una seduta dal dentista merita un premio così!

    RispondiElimina
  2. Ieri sera la pulizia dei denti è toccata anche a me :)
    Che bella quella immagine del bimbo!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche tu hai paura? Brrrrrr!!!! ;D

      Elimina
  3. Ecco, ero riuscita a dimenticare che martedi ci devo andare pure io dal dentista per l'igiene...che poi è piu' dolorosa la pulizia rispetto all'aggiustamento di una carie, per quella c'è l'anestesia!!!
    Appunto ma...n'do vivi tu, per avere a portata di mano gente così felice???
    Cioè, me lo ricordo di dove sei...non tanto al di sotto del mio parallelo, quindi perche' a te sì e a me non capita mai di assistere a visioni così belle?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma tu ce l'hai una ferrovia che taglia in due un paese?! Bisogna essere fortunate, cara mia!!! Ahahahahah!!! ;D

      P.S. Allora è vero che la pulizia è fastidiosa! Pensavo di essere io quella strana! :)))

      Elimina

Lasciami il tuo pensiero...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...