martedì 22 luglio 2014

Di letture e strabismi


Uuuuuhhhh!!! Eccomi qui.
Ci sono, ci sono.
Non so dirvi quante volte in questi giorni mi sono detta "Adesso scrivo un post!"
Poi le cose da fare mi tiravano per la giacchetta e mi ritrovavo a sera con la voglia di mettere la testa sul cuscino!
Ho letto, però, molto.
Ho letto diversi libri, ma in particolare due ve li consiglio:
Il profumo del caffè di Anthony Capella e
Quelli che però è lo stesso di Silvia Dai Pra'.
Il primo è un romanzo d'amore, sulla storia del caffè, del voto alle donne, delle caffetterie, dell'economia, del Brasile, degli schiavi, degli emigrati italiani, delle popolazioni africane, ...sembra impossibile, ma in un libro c'è tutto questo, scritto benissimo, documentatissimo e divertente.
Il secondo è un libro sulla scuola, anzi sembra il sequel del libro Ex cattedra di Starnone (dai cui è stato tratto il film La scuola di Lucchetti): divertente, amaro, tenero, crudo, realistico e spietato. Assolutamente da leggere per chi ha già figli alle superiori.
E' di questa scuola, che è finita da un mese, che vi voglio parlare, per un aspetto non poco irrilevante, il giusto punto di vista.


Ho due amiche insegnanti, una insegna alle medie e l'altra alle elementari.
Tutte e due mi hanno dato modo di riflettere su come la scuola sia strabica: guarda di qua e di là, senza fissare il giusto punto.
In un caso abbiamo una segreteria scolastica che non funziona, i suoi lavoratori sono disordinati e poco organizzati, quindi spesso "perdono" documenti. Un giorno alla mia amica viene richiesto, davanti al nuovo dirigente, un documento che avrebbe dovuto consegnare. Il documento in questione era già stato consegnato, ma evidentemente perso. La mia amica anzichè sollevare di peso l'impiegato, nicchia, per paura di far fare brutta figura all'incapace, davanti al dirigente ignaro di come sia scarsa la tal segreteria (e a proposito di segreterie ho visto personalmente cose che voi uomini...vabbè va, lasciamo perdere).

Nell'altro caso, abbiamo un caso di coscienza. La mia amica, arrivata da poco nella scuola, ha paura di offendere la collega anziana, perchè a lei , intraprendente e motivata, vengono assegnate classi che quella collega vorrebbe.

In entrambi i casi mi è venuta l'orticaria!
E ora, i buonisti smettano di leggere.

L'impiegata incapace va ripresa subito, davanti al nuovo dirigente. Se la tizia "non trova" più ciò che è tenuta a custodire è un'incapace che va licenziata, la scuola non è lì per dar lavoro all'inefficiente. Gli alunni hanno diritto ad avere una segreteria funzionante, perchè da un buon ufficio dipende un buon funzionamento dell'istituto e perchè riguarda tutti gli studenti, perchè in poche parole è pubblica! La scuola serve ai ragazzi che saranno i cittadini di domani, non a inetti che con le loro "limitazioni" la mortificano.

L'insegnante poco motivata non deve aver nessun privilegio, in quanto più anziana. E' meno capace, avrà meno privilegi. Con quale motivazione etica do privilegi a chi ha il solo merito di essere più vecchio? La vecchiaia non è un merito, è una fase della vita, come la giovinezza. La capacità, la conoscenza, invece sono meriti che vanno premiati, perchè conquistati con fatica e non solo con gli anni che inesorabilmente passano.
E dirò di più, l'esperienza non è di per sè una cosa positiva, se di quell'esperienza non ne fai tesoro, mi volete dire a che serve? L'esperienza è un merito solo nel caso in cui mi faccia plasmare da essa!

Ed ora arrivo alla conclusione drastica e indiscutibile:
chi è l'utente della scuola?
lo studente
un impiegato poco efficiente danneggia lo studente?
il privilegio all'insegnante meno valido,a scapito di quello più valido, danneggia lo studente?

Questo è quello che conta!
Punto!
Il punto di vista giusto è quello dello studente e della sua formazione, tutti gli altri punti di vista, dell'impiegato, dell'insegnante, del si è sempre fatto così, del io sono qui prima di te, del tu sei l'ultimo arrivato, di tutto questo non deve fregare niente a nessuno.
Qui c'è da pensare al futuro: chi non pensa al futuro è perchè è già morto!
Oh!!!!

...buona lettura! ;D

6 commenti:

  1. Credo che il comportamento delle due insegnanti non sia da giudicare anche perché bisogna trovarsi nelle situazioni e a volte si è costretti a scegliere il meno peggio. Vera per me tutta la tua analisi della seconda parte.Pur essendo pessimista credo che il fare la prof sia un gran bel lavoro!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io, le mie amiche le giudico eccome! E sono troppo buone! Ecco!
      ;)

      Elimina
  2. La meritocrazia nella scuola non esiste, soprattutto per chi ci lavora.
    Tanto nessuno viene mai licenziato.
    Sigh!

    RispondiElimina
  3. Haha Ninin , sei un caterpillar!
    Mai come in questo periodo sono consapevole di quanto sia importante il merito e di quanto dovrebbero esserne consapevoli le persone che hanno un lavoro. La penso come te, ma recentemente ho maturato un'altra riflessione: alcune persone vanno preservate da sé stesse.
    Ti spiego: dove lavoro adesso ci sono persone che non capiscono che alla fine del mese ti pagano perché nel mese stesso.... lavori; non perché tu ti faccia gli affari tuoi, no, proprio perché lavori. E il bello è che non si rendono conto che fuori c'è la coda! Questa cosa mi aveva demoralizzato parecchio e stavo per concludere il rapporto a fine luglio. Poi ho cambiato idea: mi dovranno sopportare per altri due mesi. Adesso comincia il divertimento!
    Riguardo al mondo della scuola, ho il dentino avvelenato e ho un post lì in caldo che dovrò riscrivere completamente, perché non mi convince nei toni, ma che esprime tutta la mia frustrazione per questo mondo e per quello che le gira intorno. Quando sarò pronta lo pubblicherò, intanto mi prendo nota del libro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il libro, se puoi, leggilo, perchè merita davvero. ;)
      Riguardo al resto, cosa aggiungere? "Si è fatto sempre così" è la frase che più odio in assoluto e purtroppo l'ho sentita ripetere in tanti ambienti diversi.
      Si è sempre fatto così?! ...E da oggi si cambia!!!

      P.S. Buon "divertimento"!!! ;D

      Elimina

Lasciami il tuo pensiero...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...