martedì 1 luglio 2014

Due piccoli occhi grandi.

Vuoi vedere come spara il mio fucile ad acqua?
Me lo ritrovo davanti, mentre prendo la bicicletta.
E' nel cortile adiacente a quello di mia madre.
Mi guarda con due occhi grandi e scuri, in attesa speranzosa del mio
Come faccio a resistere?
Non mi conosce, è tutto felice per il suo nuovo gioco, vuole condividere la sua gioia con me.
Sì, fammi vedere...
Aspetta che vado a riempirlo!
Lo attendo con le mani sul manubrio della bici, con la pena nel cuore.
Quel bambino, qualche giorno fa, era uscito singhiozzante da casa, non riusciva a calmarsi, neanche con le rassicurazioni della ragazza che gli fa da tata. Nel frattempo l'uomo che vive con lui e con sua madre urlava come un pazzo, tanto che erano arrivati i carabinieri. L'uomo forse beve, forse no, comunque picchia, picchia sua madre e forse anche lui. I carabinieri lo conoscono, anche i vicini, che vengono spesso spaventati dalle urla.
Nessuno riesce ad avere un rapporto con loro, un rapporto umano intendo.
Il bambino cresce in mezzo a tutto questo.
Arriva tutto orgoglioso e mi fa vedere come spara lontano il suo fucile.
Gli faccio i complimenti, gli chiedo come si chiama e quanti anni ha, se va alla scuola materna, lui mi dà delle risposte e mi chiede della bambina che abita al secondo piano.
L'unica cosa che afferma con molta gioia è che quel fucile è un regalo della sua mamma.
Lo saluto con un sorriso, che non sarà mai così bello come il suo.
Riguardo quei suoi occhi grandi e non posso non pensare a quanta sofferenza hanno già visto, a quanto sia ingiusto, a quanto vorrei portarmi a casa quel bambino tenerissimo che a quattro anni si aggrappa al po' di bello che la sua mamma riesce a dargli.
Il senso di impotenza mi assale e non mi dà tregua.

10 commenti:

  1. Ninin...che angoscia! Come si può far vivere un bambino in condizioni così tristi e togliergli la parte più bella e spensierata dell'infanzia? Capisco come tu possa sentirti, io mi sento così da qui, figurati tu che lo hai visto di persona e hai potuto vedere i suoi grandi occhi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa è una situazione limite. Ma ultimamente, guardandomi intorno, ne vedo sempre di più.
      Spero di essere io a sbagliarmi...

      Elimina
  2. Terribile! Mi sento male per lui. Un abbraccio Roberta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci si può solo sentir male, non si può fare niente altro, non si può aiutarlo.

      Elimina
  3. Posso immaginare la pena che hai provato e il senso di impotenza che si prova in queste situazioni, perché sono sempre situazioni molto delicate. Spero per lui che le cose si sistemino. E presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Situazioni delicate, complicate, in cui chi paga è sempre il più innocente.

      Elimina
  4. La compaesana4 luglio 2014 22:31

    La scena descritta sembra tratta da un telefilm dove poi arrivano i polizziotti/avvocati-eroi che "sistemano l'orco" e donano una nuova vita a moglie e figli....
    e invece succede proprio sotto casa, sotto agli occhi dei carabinieri!!!... ma davvero non si può far nulla?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uhm, magari qualcosa è stato fatto: segnalazioni varie, servizi sociali, sicuramente se ci sono i carabinieri di mezzo... magari per un po' la situazione si calma, ma risolversi non so proprio...non credo proprio...

      Elimina
  5. nooooo… che cosa terribile ci racconti! :(

    RispondiElimina

Lasciami il tuo pensiero...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...