martedì 2 maggio 2017

Aggiornamento

Mia suocera è a casa sua. Con una persona che l'assiste.
Ha fatto il circo, non voleva, non LA voleva.
Lei è una ragazza di 27 anni. E' molto carina e gentile. Non dorme la notte, per accompagnarla due o tre volte al bagno. E' lontana dal marito. E' calma e comprensiva. Si meriterebbe un po' di affetto oltre allo stipendio, ma mia suocera non è intenzionata a darglielo (l'affetto!).
Mia suocera è tornata se stessa: tosta e testarda, insensibile agli altri.
Un po' la capisco, le cose non sono andate come lei voleva: non è morta nel sonno senza soffrire, è ancora tra noi, debole e sofferente.
Ci fa pesare la situazione, ci dice che non la capiamo, come fosse una colpa, ci tratta anche male.
Mi fa pena, ma mi fa anche rabbia.
Alla fine della mia vita vorrei essere di esempio, vorrei essere amata, vorrei amare.
Vorrei essere grata.
Questo lo devo ricordare.



18 commenti:

  1. Mannaggia Ninin mi dispiace...però a voler sdrammatizzare un po di direi che dal penultimo post, dove era remissiva e disponibile, lei che è tosta e dura, mi pare stia meglio ....e' tornata se stessa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' quello che abbiamo pensato anche noi, inizialmente.
      Ma in verità è sempre più magra e mangia sempre meno.
      Non so...

      Elimina
  2. Cara Ninin, io ho vissuto la stessa situazione con Mada...ma con il passare del tempo la cosa è migliorata, anche se Mada se poteva, non si mordeva mai la lingua...quando poi la situazione è peggiorata si è accorta di come era brava quella ragazza...e come faceva di tutto per accudirla Per noi quella ragazza è stata di grande aiuto sopratutto alla notte quando non potevamo esserci e nelle ore di giorno quando eravamo a lavorare...Vedrai che le cose pian pianino andranno meglio...Non sentirti in colpa per come lei reagisce... del resto è fortunata poter essere rimasta a casa sua, è fortunata ad avere te, voi
    Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche oggi gliel'ho ripetuto, che pur nella malattia è fortunata, ma non se ne rende conto. Reagisce torturando gli altri.
      E le ho anche detto che non può pretendere che tutti quelli che le stanno intorno stiano male, perchè lei sta male. Mi ha detto che è questione di carattere...
      Non credo che si adatterà sai, è più facile che la badante soccomba.
      Io, da parte mia, sono esasperata, ma piano piano mi sto facendo una ragione del fatto che lei è così, arida, che non c'è niente da fare se non rassegnarsi. Ce la farò, piano piano.
      Un bacio grande

      Elimina
    2. Come la penso lo sai già... mal comune mezzo gaudio? Mah... tu però sei già fin troppo brava! ;-)
      Un bacio!

      Elimina
    3. Eh...tu la conosci anche...l'hai vista, anche...sai più cose di quante se ne possano scrivere...

      P.S. spero di passare la settimana prossima ;)

      Elimina
  3. Da una parte forse è un bene... sono donne coriacee anche se ci fanno arrabbiare, è la loro scorza che le tiene "su", che a quell'età probabilmente significa "in vita". Avevo una prozia così. E' giunta a 102 anni brontolando. Una grande.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 102 anni!!!!!????? Onore a lei e soprattutto a chi ha sopportato il suo brontolio! ;)

      Elimina
  4. Invece io preferirei essere d'esempio, amata e amare durante la vita. Verso la fine, invece, se in qualche modo potesse essere d'aiuto ad alleviare il dolore di un distacco, mi incarognerei parecchio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In linea teorica la tua è una posizione molto altruistica, una dimostrazione di amore.
      Ma mi è capitato di essere testimone del fine vita di alcuni anziani e devo dirti che, oltre che ricordare con nostalgia quelli che mi hanno dimostrato generosità d'animo e affetto, la miglior reazione al dolore della malattia l'ho vista in uno zio di mio marito. Non aveva figli, aveva mio marito come nipote prediletto, aveva vissuto tante esperienze dolorose, ma era una persona generosissima, con un cuore grande e una discrezione assoluta, era allegro e sempre sorridente, una di quelle persone sensibili alle sofferenze altrui e sempre pronto ad aiutare. Sua moglie era morta da un anno, gli diagnosticarono un tumore al polmone a 80 anni, dopo una vita a fumare tantissimo, ebbene, lui era felice, felicissimo. Ci aspettava all'ospedale sorridente, ci teneva le mani e ci raccontava la sua giornata, scherzava, sapeva che sarebbe morto e lo desiderava, aspettava il suo momento godendo dell'affetto che gli davamo. E' morto nel giorno del compleanno di sua moglie. Il suo ricordo è sempre struggente e bellissimo: anche alla fine ci ha lasciato amore e questo ci ha dato serenità e riconoscenza. Ecco, non so se sarò così in gamba da essere come lo zio, ma il suo esempio mi riempie il cuore ogni volta che penso a lui. Un bacio

      Elimina
  5. ciao Ninin, ti scrivo di qua perchè non trovo la tua e-mail...
    Volevo sapere come stai? come sta tua suocera?
    Mi raccomando, fa molto caldo, tu ti stai mettendo in gioco con tutta te stessa, cerca di ritagliare un po' di tempo anche per te
    Ti penso sempre, ti mando un bacione Valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vale!!!
      L'indirizzo email è in alto a destra, ma è meglio che usi i commenti, perchè quella posta elettronica la vedo raramente...
      Come sto?... dunque, sono molto stanca, fisicamente e psicologicamente: mia suocera è depressa e niente le riesce a darle una scossa, nessuno dei medici che l'hanno visitata (di base, cardiologo, nefrologo, geriatra), men che meno noi parenti stretti, nessuno le ha mai fatto cambiare idea su niente, figuriamoci ora che sta male. E' sempre più magra e debole e quando sta un pochino meglio, ci tratta male, ci dice che non è curata, che vuole andare al ricovero, perchè è convinta che lì la visitino tutti i giorni, che le diano medicine miracolose che la facciano tornare come prima. Ha ovviamente perso anche dal punto di vista cognitivo e quando se ne rende conto si arrabbia ancora di più. La frase giornaliera che dice a me che vado a sostituire la badante durante i suoi riposi quotidiani è "Non venire più, si vede che non vieni volentieri", io non le rispondo, ma se potessi non andrei più davvero. Ci sta prosciugando l'anima, lei è infelice e tutto intorno a lei lo diventa. E' un modo orribile per affrontare la malattia a 90 anni, è un modo che cercherò con tutte le mie forze di non imitare. Anche a 90 anni si può essere altruisti o grati, generosi e affettuosi, in modo diverso che in altre età, ma sono convinta che è possibile.
      Il tempo per me è poco, tutti i fine settimana siamo da lei, a sostituire la badante, la sera ci addormentiamo presto, stravolti, ora anche dal caldo. Ma qualche novità c'è: a luglio andrò in un campo estivo a fare da cuoca, spero di staccare mentalmente, anche se mi dispiace lasciare a casa mio marito, anche per lui stanco dal lavoro e dal seguire sua madre.
      Come sempre ti ringrazio della tua vicinanza, è per me molto importante sentirmi ascoltata e so che tu sei particolarmente sensibile e comprensiva. Ti abbraccio forte forte e adesso vengo a trovarti nella tua pagina. Un bacio

      Elimina
    2. cara Ninin, ti sento molto stanca, senza dubbio il campo estivo ti aiuterà a svariarti un po', anche se so che non sarà un modo per rilassarti...fare la cuoca è un bel impegno...
      Mi spiace che tu ce la stia mettendo tutta e tua suocera ti tratti male...ma quando diventano anziane e malate...e poi quando rientra la depressione...per loro tutto è dovuto e spesso diventano egoisti, vedo solo il loro male e non si accorgono dei sacrifici che fanno i loro cari...
      IL fatto che dimagrisca è normale se è depressa...sia nonna Mada che nonna Maria erano solo più un cumulo di ossa...questo può portare ad altri problemi sopratutto quando passano l'intera giornata a letto e con il calore nascono le piaghe da decupido... fanno molto male e a medicarle, se loro non collaborano, diventa difficilissimo...e queste le innervosiscono ancora di più...Poi c'è il problema della alimentazione...le mie nonne per molto tempo andavano avanti a mele cotte frullate, succhi di frutta e poche volte la minestra frullata... questa bassa alimentazione per forza le ha ridotte a mucchietti di ossa...prendevano medicine, poi flebo...
      Questo deperimento è andato avanti per anni... perchè il cuore era buono... anche noi ci davamo il cambio nei fine settimana quando non c'era la badante e poi anche alla notte...io di giorno lavoravo e poi alla sera ero da loro... trascuravo la mia famiglia e la casa
      Ma ho avuto tanto da entrambe...
      alla fine entrambe volevano solo me e non volevano che rimanessero i loro figli...
      Sarà durissima Ninin, perchè se il cuore è buono, potrà andare avanti per mesi...Purtroppo peggiorerà di settimana in settimana...ma arriverà un tempo che anche lei si rassegnerà, ma ci vuole ancora tempo e vedrai che alla fine anche lei cercherà solo te...
      Speriamo che non cada...Mada era caduta e si era rotta il femore mentre si sedeva su una sedia...intervento urgente e tante complicazioni dopo...
      Speriamo anche che con il passare dei mesi la badante non si stufi o vi faccia dei problemi
      Ninin sappi che ti capisco benissimo, ti sono vicina anche se lontana...Mi raccomando non mollare perchè verrà un momento che anche tu sarai distrutta fisicamente e mentalmente e magari perderai anche dei kg, cosa che non deve succedere mi raccomando
      E i tuoi figli? non ti ho più chiesto di loro
      Un enorme bacione Valeria

      Elimina
    3. Cara Vale, fare la cuoca è faticosissimo, ma sono sicura che alla sera sarò serena e soddisfatta, come non mi capita da mesi...
      Mia suocera mangia già frullato, passato di verdura con omogeinizzati e formaggio, perchè si rifiuta di masticare e dice che non le va giù in altro modo.
      Il suo problema è proprio il cuore, ha avuto uno scompenso a cui si è aggiunta una insufficienza renale che stiamo tenendo d'occhio. I medici non si espongono, in effetti è in un equilibrio precario, ma potrebbe rimanere così per tanto tempo. D'altronde ha avuto finora una salute di ferro e il suo fisico minuto ha retto a 90 anni di vita senza nessuna patologia.
      Mi auguro che non cada, per questo è sempre con qualcuno, ma in ogni caso, appena noi o la badante cambiano stanza e lei decide di alzarsi, lo fa, prende il suo deambulatore e si alza (ci sono momenti della giornata in cui riesce a farlo), le abbiamo detto più volte di aspettare, di farlo con qualcuno che all'occorrenza la possa "acchiappare", ma non ascolta. Se cadrà, la via del ricovero diventerà obbligata.
      I miei figli stanno bene, il Piccolo è stato promosso e il Felice sta facendo gli esami della sessione estiva, ad oggi ne ha passati tre (25 crediti su 300), non abbiamo pretese di media alta, il suo è un percorso lungo e la cosa essenziale per noi è che rimanga in corso. Speriamo bene.
      Un grazie e un abbraccio forte.

      Elimina
    4. sono felice di sapere che i tuoi figli stiano bene e che soddisfino le vostre aspettative...anche il mio Andrea oggi ha dato il terzo esame in un mese...purtroppo la sua facoltà spesso e volentieri ha esami ravvicinati...anche lui fa del suo meglio e noi siamo contenti così...
      Come avrai letto è un periodo bruttissimo anche per me, e come te sono stanca e con il morale a terra...per fortuna ogni tanto mi ritaglio un paio di ore a settimana per seguire i bambini del estate ragazzi e come dici tu sono gli unici momenti dove la mente si svaria un po'...ma sarà un estate ben dura...papà dovrebbero chiamarlo a giorni per l'intervento che è stato segnato con l'urgenza...vivo ogni giorno sperando sia migliore del precedente, sto cercando di trovare un po' di gioia anche negli sguardi o nelle parole di conforto di amiche care come te...da sempre qualcosa ci lega, ci assomigliamo in tante cose, i nostri figli conducono una vita simile e per quello che ti sento mia amica ormai da tanti anni e capisco come ti senti...spero che la serenità possa bussare alle nostre porte, almeno oggi, almeno per un giorno...sono sicura che gli esami di tuo figlio andranno bene e se ne sbagliasse uno lo ridarà con successo...del resto noi siamo persone semplici, l'unica forza che abbiamo sono i nostri figli e mariti...Purtroppo certe esperienze vanno anche a toccare loro, ci vedono stanche e spesso li trascuriamo Non mollare Ninin, continuami a scrivere perchè sono felice di parlare con qualcuno ne ho tanto bisogno e so che per te è la stessa cosa...Un bacione Valeria

      Elimina
    5. Il tuo affetto è commovente e salutare. Un abbraccio abbraccioso!

      Elimina
  6. ciao cara Ninin, sei tornata? Mi devi venire a trovare nel mio blogghino per raccontarmi come è andata!
    Operazione di papà è andata bene, purtroppo però gli è rimasta la bocca storta e la voce rauca, ma a me va bene così...mi piace sempre il mio papino
    Esami di Andrea, ben quattro, nonostante il periodo no li ha superati...non con il massimo dei voti, ma li ha accettati tutti e quattro
    Prossima settimana partono per il campeggio parrocchiale, Andrea come animatore e Miki come animata eheh...mi mancheranno tantissimo, ma so che si divertiranno un sacco
    Io non sto bene, ho ancora problemi con la diverticolite acuta...ma continuo a farmi vedere e fino a che ho le fitte non possono farmi la rss e nemmeno operarmi...mi sa che devo resistere fino a settembre...
    Umore...sotto le scarpe...piango sempre uffi!, ma i miei figli mi sgridano e allora devo tirarmi su...
    Ho tanta voglia di sentirti, scrivimi
    E tua suocera, come va?
    Un bacio mamma Valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vale, ora vengo!
      E questa settimana, lo prometto, farò un post di aggiornamento...
      un bacio

      Elimina

Lasciami il tuo pensiero...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...