giovedì 12 aprile 2012

Turisti a casaccio

Ho proprio bisogno di voi care lettrici e cari lettori!
Il 2012, oltre che per l'arrivo dei Maya ?!)... no, no, scusate: le previsioni dei Maya (??!!)... insomma l'apocalisse, il rinnovamento spirituale, lo zodiaco delle ere, non ci ho ancora capito niente!! , è un anno molto importante per me, per mio Marito e per la nostra famiglia.
Io compirò a breve 40 anni, dico 40!
Mio Marito in autunno ne compirà 50, dico 50!
Qualche mese fa abbiamo raggiunto i 15 anni di matrimonio!
Ora capite bene che è necessario festeggiare, quindi abbiamo deciso di andare a fare un weekend a....
PA-RI-GI !!!!!

Che fantasia, che originalità, direte voi! ^_^

Invece per noi è davvero fantasia, perchè non ci siamo mai stati.
Io non dico una parola di francese (di inglese, proprio qualche parola, ma di francese, nada! No, questo è spagnolo, scusate...).
Mio Marito, qualche frasetta scolastica la dice, se la cava meglio con il milanese, che un po' ci somiglia per la verità!
Il Principe Felice (portatissimo per le lingue, che non ama studiare!)  mi insegue dicendomi quale pronuncia non dire e quali strafalcioni possono irritare i francesi.
Capirete che la difficoltà lingua, in una città in cui tutti mi dicono esserci solo abitanti cultori del loro idioma, che fanno finta di non capire nulla che non sia perfettamente pronunciato, mi mette un po' di ansia.
Come reagire?
Un corso accelerato di francese è altamente sconsigliabile: 
farei più confusione che altro!
Far finta di essere muta e gesticolare non è indicato: 
 magari un gesto qui non è lo stesso gesto lì!
Parlare in inglese maccaronico, direi, controproducente, 
vista l'avversione risaputa tra i due popoli.
E allora?
Allora ci andiamo lo stesso, ma ci organizziamo: programmo il più possibile, dove andare e quando, orari, prezzi, mappa della città e mezzi, dove mangiare e cosa, cosa evitare e cosa assolutamente vedere, cercare luoghi caratteristici e portare a casa un ricordo bellissimo di una esperienza lampo, ma intensa.

Ora veniamo a noi: staremo lì dal sabato pomeriggio al lunedì sera, abbiamo prenotato il treno (mio Marito non ha voluto saperne dell'aereo) e l'albergo, ma a parte qualche certezza tipo il Museo dell'Impressionismo, la reggia di Versailles e (speriamo!) il Louvre, siamo un po' allo sbando e perciò

CHIEDO AIUTO A VOI!
Ci siete stati?
Quali cose consigliate di non perdere?
Dove mangiare bene, spendendo poco?
Dove troviamo un supermercatino?
Dove fare una colazione indimenticabile (in senso positivo eh?)
Quali cose dobbiamo sapere che nessuno ti racconta?
Insomma, vi prego,  A-I-U-T-A-T-E-C-I!

P.S. Vi sarò enormemente grata se commenterete questo post lasciandomi i vostri consigli, metto il banner qui a fianco, così in ogni momento potrete aggiungere, aggiungere, aggiungere...=)
Grazie, grazie, grazie!

23 commenti:

  1. o cavolini di Bruxelles!
    Parigi l'ho vista solo in gita con il liceo...quindi chi si ricorda??
    Do sicuro, amando la pittura, nel mio cuor è rimasto il musee d'orsay (impressionisti)
    la cattedrale di Notredamme...ilo quartiere dei pittori (bellissimo,ma non mi sovvien il nom)...

    RispondiElimina
  2. Ti invidio, ti invidio, ti invidio! Ci sono stata due volte e ci tornerei con te subito! Entrambe le volte abbiamo fatto il biglietto per "più giorni" per il Louvre e non sono ancora riuscita a vederlo tutto come vorrei! Parigi è semplicemente MERAVIGLIOSA!!!!! Vivi alla giornata, perché ogni angolino, ogni posto è strepitosamente magnifico!!!! Non pensare al cibo (una baguette con qualcosa dentro la trovi ovunque!) ma respira l'aria parigina, visita musei. E' la città che ha fatto dell'arte il suo baricentro!
    Ti ho già detto che ti invidio!!!
    Anche se non ti sono stata per niente di aiuto, buon viaggio ;DDD!
    p.s. documentazione fotografica al rientro eh!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora se ho capito bene:
      il Louvre, assolutamente,
      per il cibo, non moriremo e
      sicuramente foto!!! Grazie mille! :D

      Elimina
  3. Che meraviglia! Ci sono andata con i miei quando avevo sedici anni e poi col MioAmore nel 2006.
    Suggerimenti:
    ottima la scelta di andare in treno: arriverete alla Gare du Lyon, praticamente in centro.
    prendete l'abbonamento per tre giorni alla metropolitana: si gira in modo economico e rapida tutta la città e dintorni. Procurati prima la cartina della metro (su internet) e fai uno schema delle cose-da-vedere, così non perderete tempo.
    musei: per il Louvre va via una giornata. Anche lì guarda prima su internet quello che non vuoi perdere, così vai a colpo sicuro. Il museo d'Orsay è più veloce, in tre ore si vede tutto. per entrambi puoi comprare in anticipo i biglietti su internet, altro tempo risparmiato.
    La Tour Eiffel vale la pena di salirci!
    Per acquisti, minispesa e souvenir consiglio Montmartre (dove c'è anche il sacro cuore, panorama stupendo da lassù!)
    Se mi viene in mente altro te lo scrivo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottimo il suggerimento di prepararmi l'itinerario dentro il Louvre, non ci avevo pensato!
      Segno anche il suggerimento di Montmartre: non possiamo tornare a casa con le mani vuote!
      Merci!! (Almeno l'educazione in francese va imparata!)
      ;)

      Elimina
  4. Ti vorrei aiutare ma Parigi l'ho vista in taxi, solo il pezzetto lungo la Senna tra Disneyland e la stazione. Il mio allora fidanzato e attuale marito, ce l'aveva con Parigi ma non con il parco giochi :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi parlare di EuroDisney: i miei figli non hanno mandato giù molto bene, l'idea che noi saremo così vicini e loro così lontani!!! :))

      Elimina
  5. Ma che bello!
    Sono super contenta per voi, romanticoni...
    Purtroppo non sono di aiuto, perché vorrei tanto ma non ci sono mai stata:)
    A presto!

    RispondiElimina
  6. Wow! L'ultima volta che ci sono stata, mi sono informata via google, dove mangiare e prendere la metropolitana (è molto efficente e meglio del trasporto su strada) e cercare una supermercato/minimarket per fare un minimo di spesa.
    Ti consiglio, di mangiare ai bistro per pranzo, hanno degli ottimi menù fissi e per cena, se piace, potete andare in qualche posticino etnico, come vietnamita o libanese.
    Potete fare merenda e colazione alle boulangerie (forno/pasticceria) e quando chiedete un caffè al bar, chiedetelo ristretto altrimenti vi danno una tazza di brodino nero...
    Consiglio di visitare il Centre Pompidou http://www.centrepompidou.fr/
    Sito utile http://it.parismuseumpass.com/
    Ti potresti anche comprare un dizionario tascabile, che ti può essere utile.

    RispondiElimina
  7. Segno tutto e vado subito a vedere i siti che mi consigli!
    Il dizionario ce l'ho, è la pronuncia che mi terrorizza!
    Come si dice "caffè ristretto"? Il brodino nero non lo voglio!! ;)
    Grazie Isabel!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Ho trovato questo sito di traduzione con altri tipi di caffè:
      http://www.larousse.com/it/dictionnaires/francais-italien/caf%C3%A9/10059

      Elimina
    2. Faccio pratica! Merci! :)

      Elimina
    3. Ci vorrebbe molto spazio per dire cosa vedere a Parigi, ti hanno già dato ottimi consigli. Mi permetto di consigliarti di cercare di vivere la città, di "respirarne" l'aria (inteso come atmosfera)e di non programmare troppo: godetevi questo splendido momento e lasciatevi sorprendere da ciò e da chi inconterete!!!!
      Buon viaggio e divertitevi

      Elimina
    4. Questo sì che è parlare da viaggiatore!
      Hai ragione!
      Terrò il consiglio buono per tutto il viaggio, anche sul treno, anche lì si fanno incontri interessanti, in 14 ore di andata e ritorno...ne avremo di tempo per fare incontri, no?!
      Grazie Anonimo. :)
      A proposito, sei hai voglia di presentarti (anche con un nickname) mi farebbe piacere,o almeno sapere se sei maschio o femmina, mi piace molto immaginarvi e così faccio un po' di fatica! ;)

      Elimina
  8. Che bello Parigi, anche noi da poco abbiamo festeggiato i nostri 10 anni di matrimonio :-) E alcuni anni fa siamo stati a Parigi, ti consiglio Montmarte a noi è piaciuto molto sia per la tranquillità e tutto il resto. Anch'io come tuo marito ho evitato l'aereo così siamo andati in treno ed è stato proprio un bel viaggio! Non abbiamo programmato niente siamo andati un po' a caso ed è stato proprio bello! E girando a caso siamo capitati proprio davanti al negozietto di Amelie è stato divertente rivedere quell'immagine.
    Buon viaggio e divertitevi :-)

    RispondiElimina
  9. Prendo appunti: Montmartre!
    Grazie, :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :-) ah noi avevamo proprio l'albergo li ma non ricordo il nome...ricordo solo che arrivati con la metro ci siam detti con le valigie in mano ma dai prendiamo le scale mica saliamo con l'ascensore...alla fine siamo arrivati su con il fiatone poi abbiamo capito il perché tutti prendevano l'ascensore...non si arrivava mai su :-)

      Elimina
    2. non volevo essere anonima ma il mio fanciullo grande ha inviato per me ... non mi ero accorta, lo scopro solo ora.
      Già che ci sono aggiungo un consiglio culinario: se vi piacciono sono buonissime les escargots!!! ( dette anche lumache)

      Elimina
  10. Ciao! Sono una donna fortunata: sono stata a Parigi davvero moltissime volte!
    L'ultima, in luna di miele nel 2008, un breve we appena dopo sposata. Nel mio blog ci sono anche alcune foto di quei giorni.
    Quindi mi metto al lavoro: se vi fermate solo il we eviterei il museo del Louvre, potrete farlo in una occasione migliore, va bene invece quello degli impressionisti. Io preferisco stare all'aperto, quindi meglio visitare i quartieri piuttosto che i musei (tranne in caso di pioggia). Imperdibile il centre Pompidou, Notre Dame, il quartiere latino, Montmartre, gli Champs Elysees, Marais e Saint Germain. Ah, anche la torre Eiffel e il Trocadero.
    Di solito io parto la mattina che sono ancora "fresca" e mi sposto verso la meta, per poi tornare con la metro, dato che sulla mappa le distanze sembrano minori di quello che sono. La sera avrai comunque le gambe distrutte! Allora, l'ideale è riposarsi in uno dei baretti all'aperto che trovi ovunque e che animano la città. Io mi bevo una buona birra fresca, i francesi amano il Pernot come aperitivo che associano al gioco delle bocce. Occhio ai prezzi, Parigi è particolarmente cara (in tutti i sensi!).
    Spero di esserti stata utile, se no puoi sempre scrivermi una mail, io AMO Parigi, non mi stancherei mai di parlarne...
    'bonne journée!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marghe, benvenuta!
      Grazissime per le indicazioni, ormai anche noi eravamo dell'idea di saltare il Louvre, così abbiamo la scusa di tornare a Parigi, no?! ;)
      Sicuramente prendo nota delle mete che mi ha segnalato e di come godersi un'aria parigina. Verrò a vedere le tue foto!
      :)))

      Elimina
    2. Si, passa quando vuoi e se hai bisogno scrivimi pure in privato. Anche mio marito ha fatto così: niente Louvre, rimandato alla prossima occasione!
      Ribadisco che se le giornate sono belle, mooolto meglio passeggiare a testa alta e godersi il panorama, le strade e i marciapiedi sono ampi e i palazzi sono piacevoli, la gente estrosa e multietnica e nessun quartiere da evitare per pericolosità o altro. E poi, per godersi tutto fino in fondo, adeguarsi alle loro abitudini: bistrot, baguette e ti sentirai subito a casa!

      Elimina

Lasciami il tuo pensiero...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...