martedì 12 giugno 2018

Ibrida

Alla fine abbiamo comprato un'auto ibrida. Usata. 60.000 km di carriera. E' in buono stato. Più bella della nostra vecchia Mazda, anche se io le ero davvero affezionata.

"Non ha il tavolino" fu il primo commento del Piccolo Principe quando, salendo, si accorse che al contrario della Scenic, la nuova auto non aveva il tavolino che dal retro del sedile anteriore si apriva su quello posteriore, non avrebbe potuto appoggiare i giochi con cui si intratteneva durante i viaggi. C'è voluto che crescesse e smettesse di giocare per farlo smettere di lamentarsi su questo punto.
Ma era davvero l'unico difetto della nostra vecchia auto, era piccola, ma spaziosa e nel 2012 ci aveva portato in vacanza: mamma, papà, Piccolo P., Principe F., Cagnolona e Ronni, oltre che un minimo di spesa e due valigie... non ci credo neanche adesso che lo ricordo!!! Mi sembra impossibile!
Ma ora sarà una scatoletta di metallo, alla demolizione.
La nuova auto come vi dicevo è ibrida, ha il cambio automatico, che devo dire è molto comodo, e soprattutto consuma pochissimo e, di conseguenza, inquina pochissimo.
Il distruttore di auto che nella fattispecie è  mio figlio maggiore, non la guiderà per un po', l'ho minacciato al riguardo " La prossima macchina che guiderai sarà la tua!", sottintendendo che se la dovrà comprare! Cattiva!? Può darsi...ma dovrà un po' capacitarsi del danno combinato, o no?!
Tornando all'auto, trovo la tecnologia che la caratterizza molto interessante: motore benzina, motore elettrico, batterie, motorini di recupero dell'energia di decelerazione, combinati insieme ottimizzano i consumi e l'uso dell'auto.
Mi fa pensare a come le diversità, se ben miscelate, possano dare origine a qualcosa che meglio delle loro singolarità. E' la complementarietà che rende il fine più facilmente raggiungibile. I due motori, singolarmente, hanno difetti che, abbinati, non hanno. La diversità, se ben combinata elimina i difetti. Se ci pensate funziona così anche per la mescolanza dei dna: i difetti, le malattie ereditarie, si attenuano o spariscono se dna molto diversi si fondono.  Perchè vi faccio questo discorso? Dove voglio arrivare? Semplice: ultimamente penso, sempre più spesso, che la sfida del futuro è la capacità di adattarsi al nuovo, a ciò che il destino umano ci pone davanti, non più come destino di popoli, ma come destino dell'uomo, siamo tutto dello stesso popolo. La paura della mescolanza, della diversità, ci rende fragili e incapaci. Il destino dell'uomo è essere "ibrido", nel senso che prima descrivevo, è inutile chiudere la propria mente, la propria porta, ....i propri PORTI...il destino dell'uomo è uno: la mescolanza, per migliorare se stesso e il proprio futuro. Così è sempre andata, così sarà sempre!

5 commenti:

  1. Cara Ninin l’ho sempre detto che dalla mescolanza di popoli nascerà una generazione bellissima e gagliarda. Io l’ho davanti a me tutti i giorni e ti posso assicurare che è così. Buona giornata.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E sì, credo che tu sia fortunata ad avere ogni giorno davanti il futuro. Il futuro che si mescola, nei gesti, nei sorrisi e nell'innocenza dei bambini che educhi. Tu, prima di tanti, hai questa bellissima opportunità. Tu, prima di tanti, te ne rendi conto.

      Elimina
  2. chissà, quale sarà il futuro dei miei figli? Chissà se anche nella mia famiglia non nasceranno delle "mescolanze"? A volte ci penso! Un bacio Valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh Vale, chi lo sa?! Però è da mettere in conto, sai. E del resto l'unico modo per non cedere alle paure, alle ansie, é pensare che chiunque si trovi davanti a noi è una persona come noi, non per forza un santo, non per forza un diavolo, come noi, con le nostre contraddizioni, le nostre incapacità, le nostre ridicolaggini...Un bacio grande

      Elimina
  3. Ciao Ninin, come stai?
    Programmate le ferie?
    Qui da me tutto scorre nella normalità, al mattino lavoro in negozio e al pomeriggio seguo i bambini dell'estate ragazzi.
    I miei diverticoli non mi danno tregua...sabato e domenica si sono fatti vivi, ora ho finito l'ennesimo antibiotico e sto collaudando delle nuove pastiglie che dovrò prendere sempre...
    Andrea è sotto esami, martedì ne ha un altro e poi un altro a luglio...e preso dagli studi, anche se continua ad andare a lavorare.
    Michelle è finalmente in vacanza, ha portato a casa una bella pagella e ora si sta riposando un po', anche se al mattino si sveglia presto, per venire in negozio con me e al pomeriggio va al estate ragazzi... Si è già messa sotto con i tanti compiti assegnati per le vacanze... ha ripreso a mangiare è meno nervosa, non è più triste come nei mesi scorsi... Sono contenta.
    Per me nessun programma di ferie... ma mi fermerò qualche giorno a casa a ferragosto... Miki andrà in campeggio a fine luglio, in montagna... Quest'anno va così... abbiamo avuto tante spese, e il lavoro è un po' fermo... Quindi si tira la cinghia...
    Ma ti dirò che a me basta fermarmi a casa.
    Qui fa molto caldo, siamo passati da settimana di bombe d'acqua e grandine a un caldo umido... Ma non mi lamento, perchè per me stendere fuori è una pacchia.
    E i tuoi figli sono sotto esami?
    Finiti i lavori nella casa di tua suocera?
    Un bacione VAleria

    RispondiElimina

Lasciami il tuo pensiero...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...