martedì 30 luglio 2013

Attendere

Felice Casorati -  L'attesa
Sono ufficialmente in ferie.
In ferie da mamma.
I miei figli sono andati via con gli scout.
In montagna, al fresco, forse umido (almeno ieri).
Ho aspettato questi giorni, in cui desidero riposarmi mentalmente.
Stare in silenzio, pensare, creare.

Sono fortunata, perchè ieri, una tanto attesa pioggia, ha spento il forno in cui eravamo immersi fino a domenica, un vero e proprio girone dell'inferno!
Non ho orari definiti, se non il pranzo per mio Marito che fa la pausa per mangiare a casa.
Mi sento vagamente libera e serena.
NON mi alzo con la previsione di passare una giornata a sedare risse, di sorbirmi le solite insoddisfazioni riguardo il menu giornaliero, di ricordare ogni 10 minuti che forse qualcosa da fare bisogna pur trovarlo (che so qualche compito, qualche attività diversa dal guardare tv, monitor, pc).
Posso leggere con calma una rivista, posso farmi il pisolino dopo pranzo, posso scrivere questo post con calma, posso fare un giro per saldi, posso ascoltare la musica che mi piace, in definitiva posso riposarmi e pensare.
E ho pensato una cosa molto semplice, ieri, leggendo un articolo di Gabriele Romagnoli, lui dice che uno vive fino a quando ha qualcosa da attendere. Questa è una verità che mi si applica: vivo in attesa. In attesa di un figlio che arriva, di un orario di cena, di un desiderio che si avveri, di un'idea che mi venga, di un giorno di pioggia quando fa caldo, di una novità che mi sorprenda, non me ne sono mai resa conto, ma è così.
E anche ora sono in attesa.
Un'attesa contraddittoria e insopportabile, banale e fastidiosa.
L'attesa che i miei figli TORNINO DALLE LORO VACANZE!!!!
Lo sapevo che finiva così, già mi mancano! Uffaaaa!!!!

P.S. c'è una canzone che mi balla in testa in questi giorni, che ci sia un nesso con questo post?! ;)


12 commenti:

  1. E' il destino delle mamme attendere il ritorno dei figli :-)
    Stai tanto a desiderare quella particolare solitudine e poi senza prole non si riesce a stare!
    Buona attesa dolce Ninin!

    RispondiElimina
  2. E' il segreto per non invecchiare, quello di essere sempre in attesa di qualcosa, qualcosa che ci tenga attivi, desiderosi di fare qualcosa, di imparare cose nuove a tutte le età. Anche se poi bisogna imparare anche a "gustarsi" il presente, qui e ora, e non solo su ipotesi per il futuro. Ecco, Ninin, gustatelo, 'sto presente!
    Firmato: una mamma che non se li è schiodati di dosso neanche due giorni (erano anni che non ci passavo così tanto tempo insieme, bellissimo, ma un po' di respiro... è umano!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che poi il presente scappa in un attimo!

      Elimina
  3. io sono tornata da poco da un esperienza fuori da sola, per lavoro, stesso sentimento di poter essere libera per un po' e di assoluta mancanza e lontananza! che strano!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti è strano , desiderare due cose inconciliabili allo stesso tempo ...'ste madri! ;)

      Elimina
  4. Ma in vacanza, vacanza vera intendo, non ci vai un po' anche tu?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non abbiamo prenotato niente, mio marito lavorerà ancora la prossima settimana ed è molto stanco, forse come verra vacanza rimarremo a casa a dormire!!! ;)

      Elimina
  5. Li per li mentre leggevo mi son detta "ma che bella sensazione"...avere tutto il tempo che si vuole,niente impegni e tanta tranquillità...poi mi son detta che mi sarebbero mancati, troppo, per godermi tutto. E' il nostro destino, siamo Madri e nessuna via di scampo!!

    RispondiElimina
  6. E' bellissimo avere del tempo per se stesse.
    P.S. Adoro leggere Gabriele Romagnoli, rende interessante e spunto di riflessione anche la lista della spesa :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo, mi piacciono tantissimo i suoi articoli, come scrive, le sue riflessioni, l'originalità. :))))

      Elimina

Lasciami il tuo pensiero...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...