martedì 17 settembre 2013

Di mare e di terra

Non ho resistito: ho dovuto disegnare una faccetta a questa "testina"!
Oggi anch'io non mi sottraggo al paragone nautico.
Che bella, però, la metafora di questa nave rimessa in asse!
Un capitano deficiente e sbruffone, malauguratamente alla guida di un "grattacielo marino", si va a schiantare contro gli scogli di un'isola bellissima.

Lo fa per fare il cretino con una donna? 
Perchè è un incapace?
Per dimostrare di essere il migliore? 
Per stupido esibizionismo? 
Per megalomania?
Il risultato della sua immensa farluccaggine è stato terribile: morti, dispersi, traumatizzati e una nave meravigliosa e scintillante devastata e spiaggiata come le balene morenti.
Che immagine! Che terribile immagine del nostro Paese! In un momento in cui eravamo davvero ad un passo del fallimento dello Stato!
Ma oggi la nave è stata sollevata, finalmente si potranno recuperare i corpi dei dispersi, finalmente i loro cari potranno dar loro sepoltura, finalmente gli isolani potranno sbarazzarsi di quella terribile vista.
Gli italiani, che hanno sistemato la cosa, non hanno fallito, stavolta, perchè il rischio era grosso, ma non hanno fallito, perchè gli italiani, se vogliono, non falliscono, si risollevano e iniziano meglio di prima.
Ecco, siamo a questo punto, il punto del riscatto...che nessuno ce lo porti via!
E so che avete tutti capito di cosa parlo, in questi giorni di thrillerpolitica.
Mentre ieri pensavo a queste cose, tentavo di dare una pulitina al mio giardinetto-orto.
Delle cose seminate (vi ricordate?) ho potuto mangiare tanta insalata, ravanelli, sedano, prezzemolo, un sacco di fagiolini e un citrullo!
Eccolo qui, nel suo rossore.

Non era molto grande, e in parte non maturo, ma l'abbiamo mangiato ed era dolce e, per essere il primo, è stato una gran bella soddisfazione....da qualcosa si dovrà pur ripartire, no?
Io mi mangio un citrullo! 
Qualcun altro lo fa con me?!

8 commenti:

  1. Era doveroso dare una fine a quella tragedia.

    RispondiElimina
  2. ... guarda.. di citrulli con il lavoro che faccio non ne mangio, ma ne incontro tanti! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E non ti viene mai voglia di divorarli?! ;D

      Elimina
  3. No, il citrullo nooo....non riuscirei a digerirlo! ;)

    RispondiElimina
  4. L'anguria? è la prima volta che la sento chiamare così! Forte! anche se quel nome mi farebbe venire più un mente un cetriolo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sai che credo siano della stessa famiglia?! :)

      Elimina

Lasciami il tuo pensiero...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...