giovedì 19 settembre 2013

Di quello che resta

Il disordine regna.
Ho in giro pezzi di stoffe, fili, perline, nastri, aghi, spilli, pc, bomboniere, asse da stiro, impasti con pasta madre, libri e ...chi più ne ha più ne metta!
Sto cercando di sistemare, in realtà, ma finisco sempre per mettermi a fare qualcosa, come questa (prendendo spunto da questo sito):

Ho usato i ritagli di stoffa che mi restavano dalle bomboniere, dalla borsa per la prossima madrina del Piccolo Principe, dalla borsetta da polso che ho copiato da Pia, dalla gallinella fermaporta di cui vorrei postarvi il tutorial prima o poi.
Insomma ho usato quello che mi restava.

Quello che resta è un concetto fondamentale nella vita.
E' quello che resta che fa andare avanti, pensateci un po', i pezzi che avanzano, sono quelli che non ci servono, che rifiutiamo, che scartiamo dalla prima scelta, la tara di ciò che desideriamo, è ciò che si sottrae dal fondamentale e, in senso sottrattivo, ciò che ci fa capire cosa è davvero importante: se di un frutto ci avanza la buccia, sappiamo che il suo contenuto è stato mangiato, che qualcuno si è nutrito, e anche che i più getteranno nella spazzatura quella buccia, chi potrà invece,  ne farà compost.
Ed ecco il bello: chi ne fa compost trasforma quello che resta in terra buona, la spazzatura si trasforma e diventa cosa buona.
Lo si può dire solo per gli oggetti, o anche per i sentimenti?
Io direi che la regola vale per tutto.
Tutti gli avanzi organici possono trasformarsi, ma anche le emozioni, che come mattoni invisibili formano la nostra interiorità.
E ora veniamo al clou, mentre io mi dilettavo a dare una nuova occasione di uso a ritagli di stoffa , una persona mi ha detto questa frase:
QUANDO LA RIVEDO E COME SE RIVEDESSI, DAVANTI A ME, I MIEI ERRORI.
Secondo voi, chi può aver pronunciato una tale frase?
a) Un amico quarantenne, da poco separato dalla moglie, che con me parla delle sue emozioni.
b) Un'amica che mi racconta del suo umore, quando ha che fare con la nuova compagna del suo ex fidanzato.
c) Un adolescente, in cerca di chiarezza, dopo un amore finito.

Ebbene, vi posso confermare che in ogni caso, l'esperienza negativa ha lasciato qualcosa e che, se ben indirizzata, darà nuovi frutti!!!
Cosa ne pensate?

15 commenti:

  1. Io punterei sulla numero 3....ma non ci giurerei.

    Comunque, è bellissima la tua riflessione, come sempre stimoli bei pensieri cara Ninin :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tengo il conto della tua scelta e domani vi do la risposta. ;)

      Elimina
  2. non c'è nessuni che prenda la vita più seriamente di un adolescente! poi cresci e capisci che la leggerezza è tutto. insommma... la tre!

    RispondiElimina
  3. @ Maris, @ Alice, @ Lucia
    Siete state molto brave!
    E' la 3.
    Trovo anche molto vera l'affermazione di Lucia, perchè la leggerezza è una conquista della maturità...anche se non per forza legata all'età! ;)

    RispondiElimina
  4. Come non condividere le tue parole in questo post, sono piene di saggezza! E lo è anche il tuo adolescente!

    RispondiElimina
  5. Per essere saggi non serve essere vecchi!
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che purtroppo ...non basta!!! ;)

      Elimina
  6. Ero sicura fosse la n° 3!!!
    Ma devo dire che la frase si addice benissimo anche alla altre due tipologie di personaggi.

    RispondiElimina
  7. Perfettamente d'accoro. Tutto serve per "rinascere", i dolori, il letame, i pezzetti di stoffa da non buttare!

    RispondiElimina
  8. Mi inserisco con una mia riflessione: spesso QUANDO LA RIVEDO E COME SE RIVEDESSI, DAVANTI A ME, I MIEI ERRORI si può raccordare anche ad eventi che, se si ha un carattere sensibilmente emotivo, ti hanno lasciato il rammarico di non aver saputo reagire
    interessanti e realistiche le tue rifessioni
    sto segendo il tuo blog
    con simpatia
    simonetta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Intanto ti do il benvenuto! :)
      Sono sempre contenta quando qualcuno dedica un po' di tempo ai miei post, per il servizio che possono dare.
      E' vero, quella frase può essere rappresentativa anche di eventi, di fatti compiuti, è una piccola "verità" che se acquisita ci aiuta a maturare. :)))

      Elimina

Lasciami il tuo pensiero...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...