giovedì 21 giugno 2012

Animali "vari"


Stamattina, sempre nell'ottica di far fare qualcosa al Volentefarniente (alias Principe Felice, ma ormai lo sapete), gli impongo, ehm scusate, gli propongo, così va meglio, fa molto mamma complice e coinvolgente, di portare la Cagnolona dal veterinario per il richiamo vaccinazione.
Prima però dobbiamo accompagnare il Piccolo Principe all'oratorio per la partenza della gita settimanale.
Carico in auto tutti: prima il cane, poi i due gioielli e mi avvio.

Aspetta in macchina che accompagno dentro tuo fratello!
Grugnito di comprensione.
Intanto che aspetto che facciano l'appello dei componenti pullman (tempo 10 minuti scarsi) per salutare il secondogenito, mi arrivano ben 2 chiamate dal ragazzotto che mi vede benissimo dall'auto parcheggiata. Non rispondo.
Partenza del gruppo fatta, mi avvio verso il veicolo.
Trovo il Principe seduto dietro, con il separatore del cane parzialmente smontato che mi si rivolge così:"Si è messa a piangere tutto il tempo! Non arrivavi più!"
"Cosa mi hai chiamato a fare? Mi vedevi che ero lì, perchè telefoni per niente?" chi mi conosce (e lui mi conosce!) sa che non amo assolutamente il telefono, per me è uno strumento di emergenza, se non hai un motivo serio per chiamarmi , aspetta di vedermi di persona!!
"Non ti ho telefonato, erano solo sue squilli!!"
"Con gli squilli si chiamano i camerieri e/o i maggiordomi, io per il momento non sono nè la tua cameriera, nè tanto meno il tuo maggiordomo!"
..."Perchè sei lì dietro?"
"La Cagnolona piangeva e io l'ho consolata!"
Ora, vi potrò sembrare troppo severa, ma se vuoi che il tuo cane non si metta a frignare ansioso ad ogni minimo cambiamento, saprete certamente che non bisogna assolutamente dargli retta, meno che meno accarezzarlo e consolarlo, quando piange, in questo modo infatti, gli si dà il permesso di essere ansioso, in sintesi lo si premia per qualcosa che lo rende infelice.
"In questo modo, ogni volta che mi allontanerò dalla macchina, si metterà a piangere, ottimo, OTTIMO! Hai rovinato decine di prove già fatte!"
Borbottii incomprensibili.
Arriviamo dal veterinario, è appena arrivato un signore che sta per scendere dalla macchina, ha un cane 2 volte il mio, voglio evitare che i quadrupedi si incontrino in maniera improvvisa, non si sa mai.
"Prendi il cane e vai dentro!"
Passano secondi di confusione, mio figlio come al solito fa il contrario di quello che gli dico, fa avvicinare il cane al cagnone del signore, si dimentica il libretto sanitario che gli avevo affidato prima di uscire di casa e, mentre io tento di chiudere portiere e bagagliaio e di prendere il cane per allontanarlo dal colosso verso cui lui l'ha spedito, mi trasformo in una megera.

Gli urlo di andare dentro (a questo punto io prendo il cane, che non mollerò più in mano sua), poi di  prendere il libretto che lui ha lasciato in macchina, poi che non mi ascolta mai, poi che la giornata è iniziata malissimo e poi che dal veterinario ci faccio visitare lui!!!!
La megera urlante attrae tutti gli sguardi, oggi decisamente fa troppo caldo!!! Ah, ma è vero! Oggi è estate!!
Il Volentefarniente, con lo sguardo compassionevole e rassegnato di chi ha per madre una pazza furiosa, entra finalmente dal veterinario.
Tutti i cani del paese erano lì ad aspettare.
So che se voglio un cane calmo, devo essere calma, mi faccio passare la sfuriata e aspetto.
Durante l'attesa ho chiarito a me stessa che, 

  • meno male che ho un cane grande, i cani piccoli sono nervosi, ansiosi e mediamente più aggressivi: il rottwailer , il cagnone di prima e la Cagnolona sono decisamente più calmi ed equilibrati, non abbaiano e non saltano addosso a nessuno;
  • il cagnone era una cagnona docilissima che si è innamorata di mio figlio: ho assistito a scene di amore a prima vista!
  • non fanno sconti a cani che stanno immobili e sottomessi davanti ai veterinari:  regalano al massimo qualche crocchetta, cavolo!
La megera pian piano si è ritrasformata in mamma, ma prima però ha colpito.
Il padrone della cagnona aveva con sè anche il gatto.
"Lei è stato bravo, avevo pensato anch'io di portare la Mia Gatta, ma poi tenere anche la gabbietta da parte diventava complicato.."
"Eh, sì, in effetti, con DUE è più complicato..." dice il tizio comprensivo.
"Con due????!!! CON TRE!!!!!" guardando il signore e MIO FIGLIO in maniera esplicativa "E' MOLTO COMPLICATO!!!"
Ci siamo fatti tutti una risata e lui mi ha detto: "Lo so, lo so, ne ho a casa anch'io due, due ragazze!!!"
A bè, allora....allora, qualche suggerimento no!? 

12 commenti:

  1. Se mi ricordo quanto ero antipatica -per usare un eufemismo- con mia mamma quando avevo quell'età mi viene solo da dire... povere mamme!!

    RispondiElimina
  2. Non ti crucciare: la modalità "megera" è prevista in quanto mamma in un rapporto di uno a tre nel corso di un giorno....
    Ah, quanto ti capisco!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo una bella compagnia mitologica ormai! ;)

      Elimina
  3. ok mi hai convinta, il cane non lo prendo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eppure, io, alle volte, ho la sensazione che sia più facile avere a che fare con un rottwailer che con un adolescente...boh... ;)

      Elimina
  4. Niente di nuovo, io spero che sia il caldo che innervosisce noi e loro, perchè in questi giorni anche Giada ed Elena sono nervose e capricciose, ma soprattutto piagnucolano non l'ho mai sopportato negli altri bambini figuriamoci nei miei.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Voglio piagnucolare anch'io!!!
      Non ci riesco, sbraito e mi si alza la pressione!! ;)

      Elimina
  5. Cane, gatto e due figli ;D! Ops, e un marito!
    Sei una forza!
    La "megeritudine occasionale" è più che giustificata ;D!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. HO come il dubbio che l'occasionale stia diventando cronico!! ;)

      Elimina
  6. E comunque pure io odio il telefono :-)

    RispondiElimina

Lasciami il tuo pensiero...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...