domenica 3 marzo 2013

Con un poco di zucchero...46

 ...la pillola va giù!
Riprendo la rubrica domenicale, dopo una pausa di qualche settimana.
Vi propongo oggi un piccolo ritaglio da un libretto di Lella Costa, parla di ironia (come farne a meno in questo momento storico!).
Lo fa in un modo gradevolissimo.
Da questo libretto, di poche pagine, ho tratto alcune "perle", ecco la prima.


- Numero 46 -
(...)Non commettere l'errore di pensare che la vera ironia debba per forza far ridere. Se è vero che quello che importa, che fa la differenza, è la capacità di sorprendere con un punto di vista inatteso, un cambiamento di sguardo imprevedibile, non è detto che il risultato debba per forza coincidere con divertimento e risate. Se davvero è una questione di dignità, se davvero può servire per affermare la nostra superiorità su quello che ci capita, allora l'ironia può essere anche una faccenda molto seria e preziosa. E può perfino regalarci una diversa consapevolezza di quello che conta veramente, delle cosiddette priorità. Senza retorica, senza fronzoli, senza patetismi, può riuscire ad arrivare al cuore delle cose, e nella testa delle persone.
Magari – ma non per forza - con una specie di sorriso.(...)
tratto da COME UNA SPECIE DI SORRISO di L. Costa.

6 commenti:

  1. Grandissima Lella, io l'adoro
    Sono persino andata a conoscerla una sera nel suo camerino dopo uno spettacolo, e ho le foto che lo dimostrano :-)
    E' davvero simpatica, anche fuori dalla scena.

    RispondiElimina
  2. Risposte
    1. E' un'attrice milanese. E' una donna impegnata anche nel sociale. :)

      Elimina
  3. Grande Lella Costa! Ed è vero, l'ironia, quella sottile, non porta a una grassa risata, ma ad un sorriso pieno di significato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, sì, una "specie" di sorriso. :)

      Elimina

Lasciami il tuo pensiero...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...