martedì 5 marzo 2013

Please keep off the grass!


Oggi vi racconto una storia.
C'erano una volta 2 bambini che giocavano a palla, su un prato.

I 2 bambini non potevano essere più diversi: uno estroverso, l'altro riservato, uno sempre ben vestito, l'altro un po' dimesso, uno sempre frizzante, l'altro più responsabile, uno bugiardo matricolato, l'altro  sbugiardabile al primo rossore.
I 2 bambini litigavano spesso. 
Si bucavano la palla a vicenda.
La lanciavano nei giardini vicini, rovinando i fiori e le piante che in essi tentavano di sopravvivere.
Alle volte se le davano di santa ragione, tornando a casa dalle rispettive madri che li sgridavano seriamente e poi passavano a disinfettare i graffi.
I 2 bambini , per quanto giocassero male, non potevano fare a meno di giocare sempre insieme, inseparabili.
Ma un bel pomeriggio comparve un 3° bambino. 
A prima vista sembrava simpatico, urlava un po' è vero, ma era affascinante e sorridente.
I due bambini lo accettarono come compagno di gioco, gli spiegarono le regole e si misero a giocare con lui.
Ma lui, inaspettatamente, disse che non era lì per giocare.
I 2 non capivano e gli domandarono perchè allora aveva voluto unirsi a loro.
Lui disse che voleva giocare, senza giocare. 
Che voleva tenere la palla, ma non la voleva toccare.
Disse che le regole non andavano bene, ma non diceva come cambiarle.
Si mise ad urlare e piangere, diceva loro parolacce e si rotolava sull'erba come un tarantolato.
I 2 rimasero interdetti, non sapevano che fare, farlo giocare, non farlo giocare, cambiare le regole, non cambiarle, chiamare la mamma, sollevarlo da terra, insomma rimasero lì senza riuscire a decidere cosa fare.
Il 3° bambino non faceva altro che accusarli di non capire, che il suo gioco era meglio, che lo dovevano lasciar stare, che non voleva rovinare il divertimento, che lo voleva rovinare, diceva tutto e il contrario di tutto.
La storia non finì bene, 
I 3 bambini rimasero su quel prato,  
smisero di giocare,
persero la palla e  
non sentirono le mamme che  da casa si sgolavano per chiamarli all'ora di cena.
Rimasero di sale, davanti a ciò che non sapevano capire e spiegare.

Bene, cari lettori, credo che la vostra perspicacia vi abbia fatto capire la metafora di questa storia.
Non la tradurrò, aggiungo solo un proverbio che ha a che fare con il prato della storia.

"Quando 2 elefanti litigano, chi ne fa le spese è l'erba"


P.S.  Nel nostro caso gli elefanti sono tre!!! E l'erba?...Indovinate chi è l'erba!?


18 commenti:

  1. bello bellissimo post! condivido...

    RispondiElimina
  2. Risposte
    1. oh sì, verde-erba pure io.... e non ti puoi immaginare quanto!!!! cavoli!!!!

      Elimina
  3. Son solo io l'unica non perspicace qui dentro???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, ah, Dony! ;)
      Allora ti do un indizio: 3 bambini che litigano, uno che non fa capire niente di ciò che vuole, grande confusione generale. Amplifica la situazione, pensa ai giorni nostri, questi qui, dopo le elezioni, non ti ricordano tanto qualcosa?

      Elimina
    2. Confermo la mia autodiagnosi :)))

      Elimina
  4. Sei mitica! E a dirla tutta, non è rimasta più neanche l'erba. Ormai è terra nuda.
    In effetti a volte sembra di essere ancora in campagna elettorale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Terra battuta...come nei campetti dell'oratorio...chiamate subito il prete che li rimanda tutti e 3 dalla mamma!!!...Oddio! Dimenticavo che il "prete" è "vacante"... ;D

      Elimina
  5. Grande, grande, grande Ninin! Ti stimo tanto e ti abbraccio :)

    RispondiElimina
  6. Ninin, ma tu sei nata per fare satira politica!
    Grande :-)
    Anche se questo vuol dire che c'è di che parlare e che c'è materiale su cui fare satira...il che non è incoraggiante, anzi... :-(

    Va beh...intanto buonanotte, carissima, poi domani vedremo i nostri 3 "bambini cresciuti" che vorranno fare o disfare, dire e non dire...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è incoraggiante per niente! :(
      Che la pioggia di oggi sciolga il sale in cui si sono "irrigiditi". ;)

      Elimina
  7. Mammina come sono lenta!!!! Pensavo ad una famiglia e mi son detta l'era e' la mamma!!!! Mi ci son voluti i commenti per capire!!!! Vergogna Mamma Piky!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' stata una storia volutamente interpretabile, diciamo una lettura a più livelli, ognuno prende quello che gli serve! ;)

      Elimina
  8. Bravissima! Hai espresso i sentimenti di tutti noi fili d'erba ormai infangatati.
    E ora chi li sposta gli elefanti?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai voglia mettere cartelli di non calpestare! Gli elefanti non sanno leggere!!! Io non amo la violenza sugli animali, ma in questo caso un frustino non sarebbe poi così immorale! ;)

      Elimina

Lasciami il tuo pensiero...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...